Orchestra Weddings | Lavorare solo con matrimoni LGBT, non solo una sfida creativa
Non è solamente una sfida creativa. Decostruire il matrimonio tradizionale per ricrearlo e rivisitarlo in chiave gay è di certo una parte impegnativa e stimolante di ciò che facciamo. Ecco perché abbiamo scelto, come wedding planner, di occuparci solo di nozze tra coppie dello stesso sesso.
34245
post-template-default,single,single-post,postid-34245,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Lavorare solo con matrimoni LGBT, non solo una sfida creativa

gay wedding table Mr&Mr

A più di due anni dall’approvazione della legge sulle unioni civili in Italia, sono state più di 14 mila le coppie dello stesso sesso che ne hanno beneficiato.
In questo contesto chi opera nell’industria dei matrimoni non può semplicemente adattarsi ad essere “gay friendly” come un tempo.
Le copia LGBT hanno bisogno di un servizio più professionale e attento alle loro necessità.

Aver scelto di trattare solamente matrimoni gay o matrimoni egualitari implica per noi una grande responsabilità. Non è solamente una sfida creativa. Decostruire il matrimonio tradizionale per ricrearlo e rivisitarlo è di certo una parte impegnativa e stimolante di ciò che facciamo.
Ma oltre la sfida creativa c’è, necessariamente, una questione di principi e valori. Il compito di un wedding planner per coppie dello stesso sesso è quello di saper rendere il matrimonio quell’esperienza unica e inviolabile che da sempre rappresenta per le coppie eterosessuali.
Conoscere profondamente le copie LGBT, le loro necessità, i fondamenti legislativi (sia ai fini burocratici sia per tutelare le coppie da ogni tipo di discriminazione) e le nuove tendenze, adeguarsi ai nuovi protocolli, saper come rapportarsi a collaboratori e fornitori, è un servizio che necessariamente dobbiamo essere in grado di dare.
Ecco perché abbiamo scelto di rivolgersi alle sole coppie gay.

No Comments

Post a Comment